Lo smart working e i vantaggi del lavoro collaborativo

Nuove modalità di gestione di tempi e spazi di lavoro per la crescita del business

date_range08 novembre 2018

alarm9.00 - 13.00

location_onCassina de’ Pecchi, via Roma 108


SCARICA GLI ATTI

L’evento è a numero chiuso e riservato a imprenditori e manager responsabili risorse umane, formazione, organizzazione, marketing di aziende di media e grande dimensione.

La partecipazione è gratuita previa iscrizione.


La segreteria organizzativa si riserva il diritto di convalidare le richieste di iscrizione ricevute.

La nostra epoca è caratterizzata da grandi trasformazioni e il digitale è il principale motore dei cambiamenti che stiamo vivendo, come cittadini e lavoratori. I cambiamenti impattano a tal punto tutti gli ambiti del nostro vivere quotidiano che è stato necessario associare al sostantivo digital l’aggettivo dirompente, ‘disruptive’. L’organizzazione del lavoro di matrice Taylorista non esiste più: è superata l’impostazione gerarchica all’interno della quale qualcuno pensa una strategia e altri eseguono all’interno di parametri fissi legati al luogo, il perimetro dell’azienda, e al tempo, l’orario di lavoro.

Le aziende nell’era digitale sono sempre meno luoghi fisici e sempre più ecosistemi complessi, dove le persone, tutte, sono chiamate a portare un contributo creativo. Un contesto all’interno del quale i confini legati al luogo e al tempo di lavoro assumono un diverso significato e si affacciano nuove modalità di lavoro: sempre più collaborativo, per condividere la conoscenza con team di lavoro anche geograficamente distanti, e sempre meno vincolato a orari stabiliti dal vertice.

Anche le logiche di remunerazione cambiano: si tende a non retribuire più il tempo che si passa in azienda ma i risultati che si ottengono. In questo scenario lo ‘smart working’ rappresenta una leva potente per consentire alle persone di gestire con autonomia il tempo e lo spazio necessari per raggiungere gli obiettivi dati e dare quindi grande impulso alla loro produttività.

Siamo tutti chiamati a confrontarci con un cambio culturale profondo, che fa leva sulla responsabilizzazione delle persone e sul clima di fiducia che si instaura in azienda.

L’incontro, della durata di mezza giornata dalle 9.00 alle 13.00, ha l’obiettivo di analizzare i vantaggi di modalità di organizzazione del lavoro ‘smart’ e di illustrare come avviare in azienda un efficace percorso di change management. Nel corso della mattinata si approfondiranno anche le logiche più efficaci che governano la gestione degli spazi insieme con le tecnologie abilitanti.

Nel 2017 lo Smart Working è diventato legge, ma per tradurre una norma in una pratica aziendale è necessario maturare una nuova consapevolezza.

PROGRAMMA

h 9.00

Accredito e welcome coffee

h 9.30

Benvenuto e apertura lavori

h 9.45

Smart Working: un'occasione per innovare i processi organizzativi mettendo al centro la persona

Lo Smart Working è una modalità di organizzazione del lavoro che mira a soddisfare le esigenze di produttività dell’azienda e quelle di conciliazione vita-lavoro del dipendente, che genera vantaggi misurabili per l'impresa, le persone e l’ambiente. Non basta però un buon regolamento per realizzare uno Smart Working di successo, i veri vincoli sono di natura organizzativa e relazionale. Per questo lo Smart Working non è l'obiettivo finale ma uno strumento che genera nuove modalità di organizzazione del lavoro. Attraverso un processo di change management il lavoro agile va a toccare aspetti molto delicati come: la capacità di gestione del team a distanza da parte dei manager, il rapporto tra questi e i collaboratori, la capacità di lavorare per obiettivi e quindi prioritariamente saperli definire. Per generare un reale cambiamento e garantire delle ricadute positive su tutti i livelli aziendali coinvolti è necessario governare l'intero processo - conoscendone i rischi - e agire sul fronte culturale, attraverso temi quali il controllo, la fiducia, la misurazione della performance. Un'occasione per mettere la persona al centro degli obiettivi aziendali.

Elena Barazzetta, ricercatrice – PERCORSI DI SECONDO WELFARE

h 10.15

Tutta colpa delle scrivanie? Cambiamenti e ambiguità nelle trasformazioni degli spazi di lavoro

Gli spazi di lavoro stanno conoscendo un rinnovato interesse da parte dei grandi brand e delle grandi istituzioni. Ripensare il modo e i luoghi in cui le persone lavorano è infatti di cruciale importanza. Ha a che fare con la produttività, con il benessere, con l'immagine aziendale. Ma la fascinazione per spazi tutti aperti e fluidi e l'abbandono delle postazioni fisse richiedono attenzione e un pò di sano spirito critico.

Elena Granata, docente dipartimento di architettura e studi urbani – POLITECNICO DI MILANO E SCUOLA DI ECONOMIA CIVILE

h 10.45

Smart Work In&Out: lavorare bene fuori ufficio per stare meglio in ufficio

Introdurre la modalità di lavoro Agile nelle aziende richiede un ripensamento dei nostri strumenti di lavoro, dei modi con cui impostiamo le attività e anche del nostro atteggiamento. Lavorare ovunque lo desideriamo nel momento in cui ci sembra più opportuno, ci porta a leggere diversamente le relazioni con i nostri colleghi e col capo così come ad avere un rapporto diverso col tempo e con lo spazio.

Dal momento che dobbiamo saper scegliere il luogo più adatto agli obiettivi che dobbiamo raggiungere, lo smart working ci sollecita a vedere i luoghi attorno a noi in funzione delle attività che dobbiamo svolgere portandoci a vivere in modo diverso anche gli spazi dentro l'azienda.

Lavorare Smart significa essere alla continua ricerca del giusto equilibrio tra obiettivi di produttività e benessere personale, portandoci a considerare anche lo spazio come una sorta di Work-Life space

Arianna Visentini, presidente e consulente senior smart working – VARIAZIONI

h 11.15

Coffee break

h 11.30

Spazi fisici e virtuali: stili di lavoro nell’epoca digitale

Il digitale offre la possibilità di innovare modelli, attività e processi. Vantaggi competitivi e benefici tangibili per tutti. Una sola regola: chi non cambia è perduto.

Michele Dalmazzoni, collaboration & industry digitization leader – CISCO

h 12.00

Intervento a cura di Testimonial

h 12.30

be© smart: il ruolo degli investitori istituzionali per realizzare o trasformare spazi di lavoro che accompagnino il cambiamento
Erika Costa, fund manager – InvestiRE SGR

h 13.00

Conclusioni e dibattito con il pubblico

h 13.15

Light lunch a buffet


Elena Barazzetta

Ricercatrice
PERCORSI DI SECONDO WELFARE

leggi di piu


Erika Costa

Fund manager
InvestiRE SGR

leggi di piu


Michele Dalmazzoni

Collaboration & industry digitization leader
CISCO

leggi di piu


Arianna Visentini

Presidente e consulente senior smart working
VARIAZIONI

leggi di piu


Elena Granata

Docente dipartimento di architettura e studi urbani
POLITECNICO DI MILANO E SCUOLA DI ECONOMIA CIVILE

leggi di piu
Organizzato da:
In collaborazione con:
logo di pegasus
logo di investire
logo di CBRE

Genesi Communication Design Snc T. (+39) 02 45475197 | Via G. Meda 7, Milano - 20136 | P. Iva IT06294650962

email